Non solo News il BLOG Automotive di Paolo Pisano

SMART Repair


Riparazione veloce?

Nel mondo che ci circonda basta guardarsi intorno per capire quanto oggi sia importante non perdere tempo, in tutti i campi e a tutte le età. Questo modo di essere prende sempre più piede, vedi la fotografia (sviluppo e stampa in pochi minuti), gastronomia (spinaci pronti in 5 minuti), ecc.. il punto è che se si vuole più tempo per il lavoro, per se o per il tempo libero, si devono accelerare i tempi sulle cose ”poco gradite”. Ecco che spuntano di prepotenza i servizi FAST anche nell’automotive, permettendo così ai clienti di perdere meno tempo rispetto ai servizi tradizionali che potrebbero alterare l'andamento della settimana.

Molti automobilisti rinunciano a lasciare l'auto per piccole riparazione vedi graffi, piccole ammaccature, proprio perché non possono permettersi di restare a piedi per più di uno o due giorni (tempi materiali che il carrozziere deve rispettare per essiccare i prodotti, per il ciclo e per la mole di lavoro) quindi preferiscono tenersi il graffio e tutto il resto. Ecco perchè l'industria del refinish si è messa in moto (investendo nella ricerca) per sviluppare nuovi prodotti e nuovi cicli di lavoro che possano optare ad una verniciatura ultra rapida dando la possibilità al carrozziere di consegnare il lavoro in poche ore senza dover rinunciare alla qualità.
Quindi visto che spot repair o fast repair indicano una riparazione veloce cerchiamo di capire se questa tecnica conviene e se funziona.

Per esempio qualche azienda del refinish si è orientata sulla tecnologia dei raggi UV (ultra violetti). Vi potrà sembrare strano ma ci sono stucchi che possono essiccare in 30/40 secondi, ovviamente anche fondi carteggiabili nello stesso tempo di essicazione, quindi questa nuova frontiera ci porterà a risparmiare tanto tempo, denaro, senza rinunciare alla qualità.

Prima di vedere come e con cosa si applicano questi prodotti va premesso che queste riparazioni si eseguono solo su zone relativamente piccole, con un diametro circa di 20 cm

Di cosa abbiamo di bisogno?
Una lampada speciale UV, occhiali per proteggerci dai raggi, stucco e fondo che reagiscano solo ai raggi UV

Applicazione

Dopo aver preparato il supporto come da normale routine si applica lo stucco che non va catalizzato ma va soltanto mescolato e spatolato sul supporto. Grazie alle sue proprietà infatti reagisce solamente all’esposizione di circa 30 40 secondi alla lampada a raggi UV che in questo brevissimo tempo farà essiccare lo stucco in qualsiasi condizione, spessore, stagione, umidità etc.. Inoltre lo stucco che rimane può essere rimesso nel barattolo d'appartenenza senza alcun spreco di prodotto.
Stessa identica applicazione per il fondo solo che invece che a spatola va applicato con un piccolo aerografo senza aggiungere nessun additivo o solvente e quello che non si utilizza può essere riutilizzato, il fondo grazie alle sue caratteristiche è in grado di raggiungere spessori molto elevati anche 95 100 micron ed è a norma per le immissioni di V.O.C.
A questo punto non ci resta che prendere la lampada, con gli occhiali per proteggerci gli occhi, ed essiccare il tutto in meno di 40 secondi circa sia per lo stucco che per il fondo.
Dopo le carteggiature si procede con la normale verniciatura in modo che il cliente trovi la sua auto pronta dopo pochissimo tempo.

Attrezzature

Aerografi piccoli.
Lampada a raggi UV.
Fondo e stucco per UV.
Occhiali di protezione ai raggi UV.
Tamponi di piccole dimensioni.

NB: La tecnica dello spot repair comunque può essere realizzata anche senza tecnologia UV ma con prodotti velocissimi e fondi all'avanguardia con tempi e dai risultati stupefacenti.


Post del: 25/07/2020 350   Torna alla Home


Link correlati

----

Aggiungi Commento





Condividi Post